SUPER CASHBACK DI NATALE: 150 euro per chi compra nei negozi. Ecco come funziona il bonus acquisti

Il Presidente informa:

Il Governo anticipa di qualche giorno rispetto al calendario originale che fissava la partenza a Gennaio: si pensa già intorno all’8 dicembre.

Bonus da 150 euro per gli acquisti di Natale. Il totale cui ambire con i super-premi è di 3.450 euro in un anno

Un rimborso fino a 150 euro già a Dicembre per chi fa almeno 10 spese con carte e app in negozi fisici.

ll Governo sta lavorando per accelerare l’extra cashback, una sorta di bonus in vista del Natale che dovrebbe partire proprio nei giorni a ridosso delle festività.

 

Che cos’è il cashback

Con questo termine inglese si fa riferimento a una precisa forma di rimborso su determinati acquisti, nata e diffusa negli Stati Uniti, dove ormai tutti i principali circuiti di pagamento elettronici e le banche, ma anche le grandi catene di supermercati, dispongono di sistemi di questo tipo.

Nel nostro Paese, negli ultimi tempi gli e-commerce e i pagamenti digitali sono in crescita accelerati dalla necessità di acquisti indiretti a seguito del lockdown.

Il termine “CASHBACK” (in italiano traducibile, letteralmente, con “soldi indietro”) indica una particolare modalità di rimborso che consente di guadagnare soldi effettuando acquisti; nel dettaglio, è possibile ottenere indietro una somma di denaro in percentuale sulla spesa sostenuta per lo shopping, sotto forma di accredito o buono sconto da utilizzare per i successivi acquisti.

Il cashback non è uno sconto: questa particolare forma di rimborso, infatti, viene riconosciuta sempre a posteriori, cioè solo una volta che la spesa è ormai già effettuata.

 

Come funziona il cashback del Governo

Il Governo ha studiato un pacchetto di misure per incentivare la diffusione del denaro elettronico e contribuire alla riduzione dell’evasione fiscale (i pagamenti elettronici sono tracciabili e, quindi, più difficili da nascondere al Fisco). Nello specifico, è stato deciso di premiare l’utilizzo di carte di credito, bancomat e app per i pagamenti all’interno dei negozi fisici e non chi spende più soldi.

Il meccanismo di premio del cashback del Governo prevede

  • l’obbligo di effettuare almeno 50 transazioni elettroniche nell’arco di un semestre, con un rimborso pari al 10% degli acquisti effettuati
  • acquisti solo con moneta elettronica,
  • il limite di 150 euroa transazione (per cifre superiori, sarà possibile candidare al programma solo la fetta fino a 150 euro).

Il tetto massimo di spesa è di 1.500 euro a semestre. Ne deriva che il rimborso massimo è pari a 150 euro a semestre, cioè 300 euro in un anno.

Contrastare quindi la circolazione del contante e l’evasione fiscale, è questo il motivo per cui lo shopping online è escluso da questa misura del Governo: gli acquisti online, infatti, sono già per natura effettuati tramite carte di credito e, dunque, sono già tracciabili.

Le nuove misure sono state inserite nel decreto Agosto, che è stato approvato in via definitiva a Ottobre 2020. Tra queste, ci sono anche nuove norme relative al cashback e al super cashback.

La prima fase sperimentale del cashback previsto dal Governo, riguarda le transazioni effettuate già nel mese di dicembre 2020: basterà effettuare dal 1° al 31 dicembre un minimo di 10 pagamenti tracciabili. Il rimborso per questa fase sperimentale è previsto nel mese di febbraio 2021.

Il Governo introduce il super cashback

Al tradizionale meccanismo del cashback previsto dal Governo, si aggiunge un’ulteriore iniziativa, denominata super cashback. Si tratta, nello specifico di un super premio da 3 mila euro, destinato alle prime 100 mila persone che, nell’arco temporale di un anno, avranno effettuato il maggior numero di pagamenti tramite moneta elettronica all’interno di negozi fisici. Anche in questo caso, quindi, gli acquisti online non sono considerati nel conteggio.

Ai fini del conteggio per il super cashback, non assume alcuna importanza il valore dell’acquisto effettuato.

Quando prenderà il via il SUPER cashback del Governo, tramite l’app IO sarà possibile conoscere in tempo reale la propria posizione in “classifica” e se si potrà aspirare a ottenere il premio finale.

SUPER cashback prevede rimborsi fino a 150 euro, una somma aggiuntiva rispetto a quanto già previsto dal piano cashback in partenza a gennaio 2021

In arrivo a Natale un extra rimborso di 150 euro per chi paga con carta. Si tratta di una somma aggiuntiva rispetto a quanto già previsto dal piano cashback in partenza a Gennaio che prevede per il 2021

Il fine è di promuovere lo shopping natalizio nell’attuale contesto caratterizzato da chiusure e timori di contagi. L’operazione anti-evasione, per la quale il Governo ha stanziato 3 miliardi per il 2021 e altrettanti per il 2022, si arricchisce così di un nuovo capitolo.

Le cifre verranno versate direttamente sul conto corrente dei beneficiari tramite bonifico. Per aderire all’iniziativa bisognerà scaricare l’app Io della Pubblica amministrazione, indicare il proprio numero di carta e l’Iban. In particolare, l’extra cashback di Natale equivarrà a un rimborso del 10 per cento sugli acquisti con strumenti elettronici fino a una soglia massima di spesa pari a 1500 euro.

Alle nuove iniziative del cashback e del super cashback si aggiungono alla lotteria degli scontrini.

www.lotteriadegliscontrini.gov.it/portale/

A chi è rivolto

Hanno diritto a beneficiare del cashback del Governo tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, a patto che gli acquisti siano effettuati come consumatori. Non sono contemplati, infatti, gli acquisti effettuati nell’ambito professionale o imprenditoriale.

Per partecipare all’iniziativa del Governo è necessario iscriversi con lo SPID o con la propria carta d’identità elettronica all’app IO (l’applicazione lanciata dalla Pubblica Amministrazione per l’accesso a bonus e servizi pubblici, che è già stata utilizzata per erogare il Bonus Vacanze) oppure a dei sistemi alternativi messi a disposizione da banche e istituti di pagamento convenzionati con PagoPA. (https://tutelareale.it/pagare-con-app-il-nuovo-portafogli-dei-consumatori/)

In fase di registrazione, in aggiunta al proprio codice fiscale, bisogna indicare uno o più strumenti di pagamento elettronici di cui ci si intende avvalere per effettuare le proprie spese e anche l’IBAN su cui si vuole ricevere l’accredito del rimborso.

 

Pagamenti in sicurezza

il Garante per la Privacy ha approvato il rimborso sui pagamenti elettronici. Il periodo di prova parte il primo dicembre: per beneficiare del bonus bisogna registrarsi tramite l’App IO

L’intervento del Garante della Privacy ha stabilito che i dati trasmessi non siano utilizzati per finalità diverse dal rimborso previsto dal Governo, in modo da evitare così che il Fisco possa entrare in possesso di dati sensibili su tipologia e quantità di acquisti effettuati e pagati senza contante dai cittadini.

Inoltre le informazioni trasmesse devono essere trattate per il tempo strettamente necessario al conseguimento delle specifiche finalità e poi cancellate.

La gestione dei premi è affidata alla piattaforma informatica PagoPa (la società dei pagamenti a favore delle pubbliche amministrazioni) mentre a occuparsi dell’erogazione dei rimborsi e della gestione degli eventuali contenziosi è il Consap, società del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef).

 

 

 

 

Fonte: https://quifinanza.it/

https://www.corriere.it/economia

https://www.repubblica.it/economia